Logo-RP-News-trasp
Tecnologia

Google sposa la didattica, nuove funzioni per Meet con Classroom

Le funzioni sono già, alcune, disponibili. Le altre sono in arrivo.

di

133 visualizzazioni

4 MIN DI LETTURA

Nell'ultimo anno, la videoconferenza è diventata uno strumento essenziale per insegnare, apprendere e restare in contatto. Come parte dell'impegno di Google nella creazione di prodotti e programmi per espandere l'apprendimento per tutti, è in fase di introduzione nuove funzionalità a Meet per aiutare gli educatori a mantenere le classi virtuali protette e gli studenti coinvolti. 

Aiutare gli insegnanti a tenere al sicuro le classi virtuali 

La nostra prima priorità con Google Meet è assicurarci che le riunioni siano sicure e protette. L'anno scorso Google ha lanciato una serie di strumenti per aiutare con questo, inclusi i controlli di sicurezza in modo che solo i partecipanti previsti siano ammessi alle riunioni e blocchi di sicurezza avanzati per bloccare gli utenti anonimi e consentire agli insegnanti di controllare chi può chattare e presentare all'interno di una riunione. Nei prossimi mesi, saranno aggiunte nuove funzioni a quella lista.

Gli insegnanti ora hanno la possibilità di terminare le riunioni per tutti i partecipanti alla chiamata, impedendo agli studenti di rimanere dopo che l'insegnante se ne è andato, anche nelle stanze per sottogruppi di lavoro. 

Ottenere l'attenzione di tutti quando la classe è impegnata in una discussione profonda può essere difficile, ora con un modo semplice si può disattivare l'audio di tutti i partecipanti contemporaneamente. Il "muta tutti" aiuterà gli educatori a tenere sotto controllo la classe. E poiché a volte è importante insegnare senza interruzioni, a partire dai prossimi mesi, gli ospitanti della riunione saranno in grado di controllare quando gli studenti possono riattivare l'audio.

Nei prossimi mesi, gli educatori che utilizzano tablet o telefoni cellulari per insegnare avranno anche accesso ai controlli chiave di moderazione, come chi può partecipare alle loro riunioni o utilizzare la chat o condividere lo schermo , direttamente dai loro dispositivi iOS o Android.

Per molti insegnanti, Google Classroom è uno strumento essenziale per la gestione della classe. Entro la fine dell'anno, Classroom e Meet funzioneranno ancora meglio insieme, quindi ogni riunione creata da Classroom è ancora più sicura per impostazione predefinita. Quando le riunioni vengono generate da Classroom, gli studenti non potranno partecipare prima dell'insegnante. Meet saprà anche chi fa parte dell'elenco di Classroom, quindi solo gli studenti e gli insegnanti della classe potranno partecipare. E ogni insegnante in Classroom sarà l'ospite della riunione per impostazione predefinita, quindi se ci sono più insegnanti, saranno in grado di condividere il carico di gestione della classe. E entro la fine dell'anno, le riunioni che non vengono avviate da Classroom supporteranno anche più ospitanti, rendendo più facile la collaborazione con altri, contribuendo a facilitare la lezione.

Maggiore visibilità e controllo per gli amministratori 

Nei prossimi mesi, Google lancerà nuove impostazioni nella Console di amministrazione in modo che i dirigenti scolastici possano impostare criteri per chi può partecipare alle videochiamate della scuola e se le persone della loro scuola possono partecipare alle videochiamate di altre scuole. Ciò renderà più facile facilitare cose come le connessioni studente-studente tra le scuole, opportunità di sviluppo professionale per educatori e relatori esterni che visitano una classe. 

Il log di controllo di Google Meet è ora disponibile anche nella Console di amministrazione. Nei prossimi mesi Google aggiungerà ulteriori informazioni a questi log, come l'indirizzo e-mail di un partecipante esterno, in modo che gli amministratori possano capire meglio come le persone utilizzano Meet nella loro scuola. Per gli educatori con licenze Education Standard o Education Plus, Google sta anche apportando miglioramenti allo strumento di indagine. Gli amministratori possono ora accedere ai registri di Meet nello strumento di indagine, in modo da poter identificare, valutare e intervenire sui problemi di sicurezza e privacy. E entro la fine dell'anno, gli amministratori potranno terminare qualsiasi riunione all'interno della loro scuola anche dallo strumento di indagine. 

Coinvolgimento e inclusività in Meet

Negli ultimi sei mesi, Google ha lanciato funzionalità come stanze per sottogruppi di lavoro, alzata di mano, lavagne digitali e sfondi personalizzati. Entro la fine dell'anno, gli studenti potranno interagire e esprimersi più facilmente con le reazioni emoji in Meet. Saranno in grado di scegliere i toni della pelle delle emoji per rappresentarli al meglio e reagire in classe in modo leggero e non distruttivo. Gli insegnanti e gli amministratori avranno il pieno controllo su quando possono essere utilizzate le reazioni.

Poiché le connessioni Internet inaffidabili possono rendere l'insegnamento e l'apprendimento a distanza più impegnativi, è in fase di miglioramento Meet affinché funzioni meglio se disponi di una larghezza di banda ridotta. Implementato nei prossimi mesi, questo può aiutare a mantenere la lezione in pista quando le connessioni Internet sono più deboli. 

Sono stati apportati miglioramenti significativi alle prestazioni di Meet sui Chromebook. Questi includono ottimizzazioni di audio, video e affidabilità, prestazioni migliori durante il multitasking e altro ancora.

Ci saranno ulteriori miglioramenti per gli educatori con le licenze Teaching and Learning Upgrade o Education Plus. A partire dai prossimi mesi, gli educatori potranno impostare in anticipo stanze per sottogruppi di lavoro in Google Calendar. Ciò renderà più facile per gli insegnanti prepararsi per l'apprendimento differenziato, essere attento alle dinamiche di gruppo ed evitare di perdere tempo prezioso nell'organizzazione di aule durante le lezioni. 

E per aiutare gli studenti che non hanno potuto frequentare le lezioni a rimanere aggiornati, entro la fine dell'anno gli insegnanti potranno ricevere le trascrizioni delle riunioni. Saranno in grado di condividere facilmente le trascrizioni con gli studenti, rivedere ciò che è stato discusso durante le lezioni o mantenere un record per riferimento futuro. 

Che si tratti di espandere le opportunità di sviluppo professionale, di eventi in live streaming o di facilitare conferenze genitori-insegnanti tradotte dal vivo, Meet può aiutare la tua comunità a rimanere in contatto.

©RIPRODUZIONE RISERVATA ANCHE SE PARZIALE

Leggi tutto
Devi essere loggato a myRadioPanetti per commentare
Articolo di
Andrea Ottomanelli
Andrea Ottomanelli
Si parla di
Didattica a distanzaGoogle
Accessibilità

Attenzione La modifica rimarrà salvata nel browser. Sarà possibile tornare alla dimensione originale digitando sul tasto centrale.

Salva
Salva su myRadioPanetti
Altro di Tecnologia
Problemi tecnici a Instagram, Whatsapp e Messenger

Tecnologia

Problemi tecnici a Instagram, Whatsapp e Messenger

I problemi non sono ancora rientrati

19 Marzo 2021 - di Andrea Ottomanelli

“In quale zona sono oggi?” sbarca come app negli store

Tecnologia

“In quale zona sono oggi?” sbarca come app negli store

La webapp di Radio Panetti è da oggi disponibile su tutti gli store come app

29 Gennaio 2021 - di Andrea Ottomanelli

“In quale zona sono oggi?”, l’applicativo made in Radio Panetti a servizio dei cittadini

Tecnologia

“In quale zona sono oggi?”, l’applicativo made in Radio Panetti a servizio dei cittadini

La piccola webapp è stata pubblicata su RadioPanetti News

12 Gennaio 2021 - di Andrea Ottomanelli

KFC lancia la sua console, con il scalda pollo incorporato

Tecnologia

KFC lancia la sua console, con il scalda pollo incorporato

A Giugno si pensava fosse uno scherzo, ma non lo è

26 Dicembre 2020 - di Andrea Ottomanelli

Giga illimitati per Natale

Tecnologia

Giga illimitati per Natale

Tutte le iniziative dopo la richiesta della ministra Pisano

24 Dicembre 2020 - di Andrea Ottomanelli

Google va offline e manda in tilt mezzo mondo

Tecnologia

Google va offline e manda in tilt mezzo mondo

Dalle 12.30 i primi problemi, dopo tutto è "caduto"

14 Dicembre 2020 - di Andrea Ottomanelli